Social

Spaces: la realtà aumentata di Facebook

Prima di cercare di capire, nello specifico, di cosa si tratta, però, dare una definizione di realtà aumentata può aiutarci a capire meglio la nuova invenzione di cui parleremo a breve. Secondo il dizionario Treccani, la locuzione realtà aumentata indica una "tecnica di realtà virtuale, in inglese augmented reality (AR), attraverso cui si aggiungono informazioni alla scena reale. Questa tecnica è realizzabile attraverso piccoli visori sostenuti, come i caschi immersivi, da supporti montati sulla testa che permettono di vedere la scena reale attraverso lo schermo semitrasparente del visore (see-through), utilizzato anche per mostrare grafica e testi generati dal computer". Bene. Premesso ciò, torniamo a Spaces.

Intanto, in Facebook Spaces si scrive pochissimo. Al contrario, si può parlare, inviare video, condividere immagini e foto. Come ha affermato lo stesso Zuckerberg, infatti, i video e le foto sono i principali mezzi per la creazione e condivisione di contenuti. Tutto questo è fattibile attraverso l’introduzione di un’altra app, Camera, fondamentale per il raggiungimento dello sviluppo della realtà aumentata.

Al momento, Facebook Spaces è solo una versione beta, uno strumento più divertente che utile. Per fare qualche esempio, sempre durante l’F8, l’inventore di Facebook ha “giocato” con la sua nuova invenzione applicando la barba a facce reali oppure facendo nuotare degli squali in una tazza piena di latte. Ma Zuckerberg non ha nascosto la sua ambizione e, per rendere l’idea, ha fatto un esempio che vi riportiamo quasi testualmente, creandovi una situazione che, nel prossimo futuro, è più che verosimile che possa avverarsi.

Immaginate di essere a Roma e, una volta davanti al Colosseo, di guardarlo con un paio di occhiali e, mentre godete della sua vista, di poter leggere tutte le informazioni principali sul monumento che state osservando e soddisfare tutte le vostre curiosità.

Interessante no?

Di seguito, potete visitare la pagina ufficiale Facebook dedicata a Spaces.

Per leggere altre notizie dal mondo digital, invece, visitate la sezione News del blog.