Marketing

Landing page: perché crearla? I consigli per una landing efficace

Immagina di voler vendere un prodotto o servizio. Il potenziale cliente che stai cercando, esattamente come te, vive probabilmente una vita a ritmi elevati e con poco tempo a disposizione. Come si può fare, allora, per riuscire a convincerlo a dedicare quel poco tempo che gli rimane per conoscere meglio ciò che gli vorresti proporre e, soprattutto, per fargli compiere l’azione che tu vorresti?

In poche parole: come puoi catturare la sua attenzione? Semplice… più o meno! Con l’immediatezza!

Per creare una landing page efficace, capace di colpire e interessare chi la incontra durante la propria navigazione, esistono una serie di “regole” (passatemi il termine!) che, se seguite nel modo corretto, ti daranno molte soddisfazioni!

Cominciamo a vedere come fare una landing page che funzioni.

La prima cosa che bisogna tenere bene a mente è lo scopo delle landing page: informare, senza annoiare! Nel momento in cui decidi di utilizzare questo mezzo, non dimenticare mai che questo sarà il tuo biglietto da visita, la prima impressione nei confronti del tuo potenziale cliente e, quindi, capisci da solo quanto sia importante! Per far sì che la vostra sia una landing di successo, seguite questi pochi ma utilissimi consigli:

- Siate semplici: scrivere testi complicati, lunghi, pieni di termini tecnici non è roba per una landing page. Qui servono un linguaggio semplice, chiaro e senza troppi giri di parole. Insomma: andate dritti al punto!


- Scrivere in modo semplice non è sinonimo di sgrammaticato e pieno di refusi. A maggior ragione, dato che la parte testuale è relativamente breve, fate in modo che sia scritta in italiano corretto e senza errori di battitura.


- Come si suole dire, l’occhio vuole la sua parte! Supporta quindi il testo scritto con immagini semplici ma che ti aiutino a trasmettere la tua idea e chiarire la natura del servizio che offri. Ovviamente, senza esagerare! Parafrasando il buon Chef Barbieri: “Niente mappazzoni!”


- Ultimo consiglio: non dimenticare la call to action! Se la tua landing page avrà svolto il suo compito a dovere e, quindi, catturato l’interesse dell’utente, dovete fare in modo di non interrompere il legame che si è creato tra voi. Come? Con un piccolo form da compilare per richiedere maggiori informazioni (almeno all’inizio, meno dati chiedete meglio è!) oppure, ad esempio, con un “bottone” che rimandi direttamente al vostro sito, dove potrà trovare altre notizie su ciò che offri e su come contattarti.

Ora che ti abbiamo fornito queste prime informazioni, resta sintonizzato sul nostro blog, a breve torneremo con un altro articolo sulle landing page, in cui andremo ad approfondire quanto abbiamo toccato, qui, in maniera generica.

Se vuoi metterti in contatto con i nostri esperti e saperne di più su come creare una landing page o sugli altri strumenti del digital marketing, non esitare a contattarci.