Marketing

Newsletter: su cosa puntare in questo 2017?

Uno strumento, la newsletter, che permette a chiunque lo utilizzi di ottenere dati molto precisi per la profilazione di utenti da trasformare in veri e propri clienti. Per quanto riguarda l’anno in corso e il prossimo futuro, ci sono una serie di trend che interessano l’universo digital a 360° ma che, applicati correttamente nello specifico alle newsletter, permetteranno di aumentare quello che in gergo viene definito ROI (Return On Investment) e, quindi, di migliorare le performance legate ai propri prodotti e/o servizi. Vediamo allora nel dettaglio quali saranno i valori aggiunti che renderanno migliori e più performanti le vostre newsletter.

Per iniziare, cominciamo da quello che probabilmente sarà il top trend, perché interessa direttamente l’engagement e l’interazione con gli utenti. Stiamo parlando dell’interattività. Per capire meglio di cosa si tratta, facciamo un esempio concreto e, per renderlo più intuitivo, ragioniamolo in maniera semplice e schematica.

Situazione: immaginiamo di possedere un’attività, diciamo un ristorante, e di volere pubblicizzare il nostro nuovo menu.

Possibilità di contenuto per la vostra newsletter:

- Una bella infografica, statica, che presenti il menu con tutti i piatti che si possono gustare nel nostro locale;

- Una galleria, o un carosello, con immagini accattivanti dei nostri migliori piatti; un vero e proprio menu da sfogliare, insomma, come se il cliente si trovasse fisicamente al ristorante.

Domanda: secondo voi, quale tipologia di contenuto funzionerebbe di più?

Quasi certamente, la seconda. È infatti più probabile che riesca a catturare l’attenzione del potenziale cliente e lo invogli a venire nel vostro ristorante per provare le ricette proposte.

Oltre all’aspetto interattivo delle vostre newsletter, ce ne sono però almeno altri due da curare attentamente: l’automazione e la personalizzazione.

In fase di impostazione dell’invio delle vostre mail, infatti, utilizzare e selezionare i parametri giusti può permettervi, ad esempio, di ricontattare in maniera automatica coloro che non hanno completato un acquisto, oppure coloro che non completano la registrazione alla vostra newsletter. Una strategia, questa, che aumenta inevitabilmente le vostre possibilità di raggiungere gli obbiettivi prefissati, con il minor sforzo possibile.

Infine, tenete sempre a mente che le newsletter sono un ottimo strumento per profilare in modo dettagliato gli utenti; così facendo, avrete la possibilità di realizzare campagne più mirate. Volete un altro esempio pratico? Eccovi accontentati: cosa ne dite della possibilità di inviare agli utenti newsletter riguardanti solo la tipologia di prodotto o servizio che preferiscono?

Se vi abbiamo convinti sulle potenzialità di questo strumento del digital marketing, contattate i nostri esperti per saperne di più.