Che il ventunesimo secolo verrà sempre ricordato, nei libri di storia, come l’epoca social per eccellenza, dove le community del web l’hanno fatta da padrone, è un dato di fatto sul quale difficilmente si possono alzare obiezioni. Proprio per questo, conoscere alla perfezione come gestire ogni singolo aspetto dei principali social network (Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin, Pinterest), può dare la possibilità ad ognuno di noi, professionisti del web marketing e non, di sfruttarne al massimo le potenzialità per raggiungere i nostri obiettivi. Per questo motivo abbiamo deciso di occuparci, nello specifico, di tutto ciò che concerne le dimensioni delle immagini.

Indipendentemente dalla piattaforma digitale che utilizziamo per gestire, pubblicizzare e far crescere la nostra attività, qualunque essa sia (blog personale, sito o pagina social della propria azienda, ecc…), l’utilizzo delle immagini è infatti un passaggio molto importante, assolutamente da non trascurare e, anzi, da curare nei minimi dettagli. Avete presente i detti “l’abito non fa il monaco”, “l’apparenza inganna”, eccetera? Ecco: dimenticateli! Nel caso dei social media, infatti, utilizzare una bella immagine, una foto accattivante che sappia catturare l’attenzione di chi visita il vostro sito, il vostro blog o, per esempio, segue la vostra pagina Facebook, è il primo passo per far sì che gli utenti proseguano e passino allo step successivo, ovvero leggere i contenuti che avete creato. E solitamente, fatta eccezione per alcuni rari casi, un’immagine bella presuppone un contenuto di qualità.

Dimensioni delle immaginiOk: ho appena utilizzato l’espressione “immagine bella”. Ma cosa significa?

Perché un’immagine sia bella, non è sufficiente che ti colpisca al primo impatto, che ti catturi a colpo d’occhio e ti convinca a cliccarci sopra per approfondirne il contenuto. Un fattore che, infatti, non bisogna assolutamente dare per scontato o, peggio ancora, trascurare completamente, riguarda le dimensioni delle immagini. Ogni social ha i suoi parametri e dovete tenere in considerazione che i device dai quali i vostri utenti accederanno a ciò che pubblicate sono più di uno (smartphone, pc, tablet…).

Per rendere ancora di più l’idea, proviamo a metterci nei panni di un utente e poniamoci alcune domande, per esempio: vedere l’immagine di accompagnamento ad un articolo ridimensionata male e, quindi, tagliata, vi invoglierebbe a leggere la parte testuale?

Oppure: cosa pensate se l’immagine di copertina di una pagina Facebook che seguite è sgranata?

Per far sì che ognuno di voi possa rendere il proprio prodotto interessante e professionale, a partire dal prossimo articolo vi daremo la possibilità di scoprire quali sono i formati e le dimensioni delle immagini più aggiornati da utilizzare sui vari social, con utili infografiche dove troverete tutte le dimensioni delle immagini corrette, i formati consigliati, le grandezze minime e massime e l’aspect ratio, vale a dire il rapporto matematico tra larghezza e lunghezza dell’immagine.

A questo punto, che dire? Restate connessi, perchè a breve partiremo con il primo social in questione: Facebook!

Per leggere tutti gli articoli presenti nella sezione Social Media Marketing, cliccate qui.